Crostata di marmellata, tante idee per sorprendere

Crostata di marmellata: una ricetta semplice e genuina, scopriamo di più su questo classico della tradizione dolciaria italiana.

La crostata di marmellata è un dolce in grado di soddisfare davvero tutti: da chi è alla ricerca di sapori tradizionali a chi invece ama il gusto intenso della confettura alla frutta ( prugna, arance, albicocca, pesca, etc) e più gli ingredienti sono sani e genuini, più il dolce acquisterà valore e sarà ancora più gustoso ed avrà un sapore unico ed inconfondibile. Questo dolce, che si realizza a partire da un disco di pasta frolla farcito con marmellata e richiuso da tante strisce, più o meno sottili di pasta frolla volte a formare la tradizionale griglia, è ideale da consumare al mattino, accompagnato da una tazza di thé fumante o un bicchiere di latte caldo e/o freddo; al pomeriggio, come merenda o spuntino o ancora come dopo cena. Ma non è tutto. E’ possibile realizzare delle piccole crostate monoporzione, da consumare nei momenti di calo energetico e che faranno la gioia dei vostri bambini!

Crostata di marmellata: una ricetta semplice per un piacere unico ed inconfondibile

Per realizzare un’ottima crostata di marmellata, la prima operazione che dovrete compiere, è la preparazione della pasta frolla. Vi occorrono 250 grammi di farina e 100 grammi di zucchero, da disporre a fontana su di una spianatoia. Poi prendete circa 125 -130 grammi di burro e disponetelo a pezzetti sulla farina e sullo zucchero ed iniziate ad impastare, aggiungendo anche la scorza grattugiata di un limone, per un aroma più intenso e deciso. Aggiungete, poi, un uovo intero più un tuorlo e procedete a lavorare, fino a che non otterrete un panetto omogeneo. Lasciatelo riposare, dopo averlo avvolto in un foglio di pellicola trasparente, in frigorifero per almeno mezz’ora. Nel frattempo, imburrate ed infarinate una teglia. Trascorsi i trenta minuti, stendete un velo di farina sulla spianatoia e con l’aiuto di un mattarello, stendete la pasta frolla ( ricordate di conservare un pezzetto per le striscioline che andranno disposte dopo aver steso per bene sull’impasto la marmellata alla frutta). Distribuitela nella taglia e ricoprite di marmellata ( circa 350-400 grammi e del gusto preferito: pesca, prugna, arance, albicocca, fragole, more e frutti di bosco, etc). Con la pasta frolla avanzata, create tante piccole strisce, che ricreeranno la tradizionale griglia romboidale o quadrata .Preriscaldate il forno a 180 gradi e lasciate cuocere per 35-40 minuti. Servite con una spolverata di zucchero a velo vanigliato! Il dolce è pronto!

Crostata di marmellata: morbida e che non si sbricioli, ecco alcuni consigli

Per realizzare una pasta frolla morbida e non eccessivamente dura, che non si sbricioli al primo morso, ma che rimanga sempre friabile ed omogenea, molte ricette prevedono l’aggiunta di un cucchiaio di lievito vanigliato per circa mezzo chilo di farina 00. Il procedimento è simile a quello descritto su, con la differenza che durante l’impasto, dopo aver introdotto zucchero, farina e burro, è opportuno inserire anche il lievito. Il risultato sarà sorprendente.

Striscioline o … cuori e fiori?

Per chi ama i sapori tradizionali, ma nel contempo è attratto dalle innovazioni, può sempre sperimentare una variante della tradizionale crostata di marmellata che non riguarda il gusto, ma la “forma”. Al posto della tanto apprezzata striscia romboidale, è possibile creare delle forme ( ad esempio cuori, fiori, simpatici animaletti, lettere con l’ausilio di piccoli stampi per biscotti) e disporli poi sulla crostata, prima di essere infornata.

Un ultimo accorgimento: quando togliete la crostata di marmellata dal forno, ricordate di lasciarla raffreddare per alcuni minuti, altrimenti la marmellata troppo calda e ancora liquida, potrebbe compromettere il risultato eccellente e compatto della fetta… tutta da gustare!

Written by: LInkredulo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.